16.6 C
Guidonia
venerdì, Ottobre 22, 2021
More

    L’Italia punisce ancora una volta gli inglesi

    Nel raggruppamento C la Colombia passeggia sulla Grecia con un netto 3-0. Brilla Cuadrado; segnano Armero, Gutierrez e Rodriguez. Nello stesso girone la Costa D’Avorio rimonta il Giappone di Zaccheroni. Il milanista Honda porta avanti i samurai, ma nella ripresa gli africani compiono rimonta e sorpasso con Bony e Gervinho.

    Nel girone dell’Italia grande sorpresa arriva dal tonfo dell’Uruguay: 1-3 contro la Costa Rica. Cavani porta avanti l’Uruguay su rigore. Nella ripresa si scatena la Costa Rica. Campbell, Duarte e Urena trovano i gol dello storico successo.

    Passiamo al girone E dove la Svizzera compie un altro sorpasso. E’ l’Ecuador ad illudersi con il guizzo di Valencia. Nella ripresa i biancorossi pareggiano con Mehmedi e al 92′ siglano la rete della vittoria con Seferovic, nell’azione indispensabile l’apporto di Behrami.

    Tutto facile per la Francia: 3-0 sull’Honduras con doppietta di Benzema e autorete di Valladeres con il primo storico utilizzo dell’occhio tecnologico per vedere il gol fantasma.

     

    INGHILTERRA-ITALIA 1-2

    (1a giornata girone D Mondiali 2014)

    Inghilterra (4-2-3-1): Hart 5; Johnson 6.5, Cahill 6, Jagielka 5.5, Baines 6; Henderson 5 (28′ st Wilshere 5.5), Gerrard 5.5; Welbeck 6 (16′ st Barkley 5.5), Rooney 6.5, Sterling 7; Sturridge 6.5 (34′ st Lallana sv). All.: Hodgson 5.5.

    Italia (4-1-4-1): Sirigu 6.5; Darmian 6, Barzagli 6.5, Paletta 5, Chiellini 6; De Rossi 5.5; Candreva 6.5 (34′ st Parolo sv), Verratti 6.5 (12′ st Thiago Motta 6), Pirlo 7, Marchisio 6.5; Balotelli 7 (28′ st Immobile 6). All.: Prandelli 7.

    Arbitro: Kuipers (Olanda), voto 7.

    Marcatori: 35′ pt Marchisio (Ita), 37′ st Sturridge (Ing), 5′ st Balotelli (Ita).

    Note: ammonito Sterling (Ing).

    Esordio delicato per l’Italia nel girone di ferro contro l’Inghilterra in questo Mondiale 2014 in Brasile. Si gioca a Manaus su un campo in pessime condizioni.

    La squadra di Prandelli opta per un 4-1-4-1 con l’obiettivo di controllare il possesso del pallone in mezzo al campo. Il capitano e portiere Buffon resta fuori per un problema alla caviglia, al suo posto ecco Sirigu. In difesa Darmian alla seconda presenza a destra, Barzagli e Paletta al centro con Chiellini spostato a sinistra. Ruolo delicato da mediano per De Rossi. A centrocampo linea con Candreva con spiccati compiti offensivi, il giovane Verratti, Pirlo e Marchisio dietro all’unica punta Balotelli.

    La nostra vecchia conoscenza Hodgson risponde con Hart in porta; Johnson a destra e Baines a sinistra con Cahill e Jagielka al centro; Henderson e Gerrard mediani; Welbeck, Rooney e Sterling da fantasisti e Sturridge unica punta. Tanti volti nuovi nell’Inghilterra.

    Il match inizia con l’Italia che tiene palla e gli inglesi che concludono pericolosamente in due occasioni: Sterling, giovane da seguire, conclude sull’esterno della rete e Henderson chiama Sirigu alla prima parata. Provvidenziale al 24′ il salvataggio di Barzagli su Welbeck. Al 35′, improvvisamente, passa l’Italia con Marchisio che stoppa dopo una finta di Pirlo e trova l’angolo da venti metri. Neanche il tempo di esultare che l’Inghilterra pareggia. Sterling innesca Rooney, cross sul secondo palo e gol al volo di Sturridge. Nel finale della prima frazione Italia in massa all’attacco: prima Balotelli riceve da un inspirato Pirlo e da posizione defilata si inventa un pallonetto che Baines salva sulla linea, successivamente Marchisio trova Candreva in area con il sinistro che colpisce il palo esterno.

    Nel secondo tempo Sirigu è bravo ad intervenire a mano aperta su Sturridge. Al 5′ il vantaggio dell’Italia: Candreva rientra e crossa per la testa di Balotelli che schiaccia sul palo più vicino. Reazione immediata degli avversari e Rooney sfiora il palo. Lo stesso Rooney sfiora ancora il montante poco dopo da circa dieci metri. E’ il momento migliore per l’Inghilterra e Sirigu dice ancora no a Barkley con un destro a giro. Sempre Sirigu si mette in mostra sulla punizione di Baines. Ma l’Italia soffre solo sui tiri da lontano e tiene bene il ritmo. Anzi, conclude fisicamente meglio degli avversari e Pirlo su punizione colpisce anche una clamorosa traversa.

    Buona la prima degli azzurri, contro il Costa Rica venerdì la grande possibilità di qualificarsi già per gli ottavi.

    LE PAGELLE

    INGHILTERRA

    Hart 5: non regala per nulla sicurezza al suo reparto arretrato.

    Johnson 6.5: ci piace per la personalità e la capacità di spingere sulla destra.

    Cahill 6: molto ruvido.

    Jagielka 5.5: qualche difficoltà nell’impostare il gioco.

    Baines 6: salva un gol fatto sulla linea, volenteroso ma confusionario.

    Henderson 5: come mediano praticamente non si vede mai.

    Wilshere 5.5: più offensivo rispetto al compagno.

    Gerrard 5.5: pericoloso solo sui calci piazzati.

    Welbeck 6: va via una sola volta nel primo tempo.

    Barkley 5.5: non riesce a cambiare passo.

    Rooney 6.5: assist per il gol inglese, sfiora più volte la gioia personale.

    Sterling 7: la rivelazione dell’Inghilterra, il 19enne scappa sempre via, fa partire l’azione del gol, si spegne solo per crampi nel finale di gara.

    Sturridge 6.5: si fa trovare pronto sul gol, poi ci prova anche lui da lontano.

    Lallana sv

    Allenatore Hodgson 5.5: la sua Inghilterra si affida alle giocate dei singoli.

    ITALIA

    Sirigu 6.5: incerto sulle uscite e sui rinvii con i piedi, tra i pali compie quattro buone parate.

    Darmian 6: scende tante volte ma non rischia mai il cross.

    Barzagli 6.5: nel primo tempo salva un gol fatto con una scivolata coraggiosa.

    Paletta 5: troppi passaggi sbagliati.

    Chiellini 6: schierato da terzino sinistro, non viene mai saltato ma commette alcuni falli pericolosi.

    De Rossi 5.5: ruolo delicato il suo, si limita a non salire per niente palla al piede.

    Candreva 6.5: si prende la responsabilità di crossare spesso da posizione defilata, una volta gli riesce ed è decisiva per la rete di Balotelli.

    Parolo sv

    Verratti 6.5: altra rivelazione della partita e del Mondiale, spesso esce palla al piede da situazioni pericolose.

    Thiago Motta 6: un ingresso che fa respirare i compagni di squadra.

    Pirlo 7: illumina ancora una volta, velo sul gol di Marchisio e punizione “maledetta” con sfortunata traversa. E altro ancora come uno splendido assist per Balotelli.

    Marchisio 6.5: sblocca la gara con un tiro preciso all’angolino.

    Balotelli 7: attento per tutta la gara, fa reparto da solo, si inventa un pallonetto che solo Baines riesce a sventare sulla linea, segna di testa da vero centravanti il gol della vittoria.

    Immobile 6: aspetta il contropiede giusto, gli capita una volta sola e per poco non colpisce.

    Allenatore Prandelli 7: l’Italia vince la sfida sul piano della qualità.

    ARBITRO

    Kuipers (Olanda), voto 7: non sbaglia nulla, per adesso il miglior arbitraggio del Mondiale.

    Danilo D'Amicohttps://www.lawebtv.it
    Giornalista professionista dal 2011. Laurea magistrale in Produzione culturale e giornalismo.

    Articoli Correlati

    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Seguici su

    1,790FanMi piace
    877FollowerSegui
    117FollowerSegui
    - Advertisement -

    Ultimi Articoli

    METEO

    Guidonia
    poche nuvole
    16.6 ° C
    18.6 °
    14.8 °
    77 %
    1.8kmh
    23 %
    Ven
    22 °
    Sab
    22 °
    Dom
    24 °
    Lun
    22 °
    Mar
    15 °