Il super Boss transitato nei territori calabresi. Mafie nel tessuto socio-economico

Nei giorni scorsi a seguito dell’operazione antimafia coordinata da Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo sono stati fermati 22 soggetti di interesse  operativo ritenuti affiliati al latitante Matteo Messina Denaro, ricercato dal 1994.

Dall’attivita’ investigativa messa in campo emergeva che lo stesso Boss di mafia era nascosto in Calabria, dove avrebbe trovato anche la complicita’ della n’drangheta per continuare la sua latitanza.

img_20180422_190123Gli aspri territori, con la loro conformazione morfologica ed il muro culturale di alcune realta’ calabre rendono difficile anche le ricerche. In tali aree la mancanza di lavoro e le difficolta’ economiche che ne conseguono fanno si che soggetti vengano facilmente affiliati alle organizzazioni mafiose.

Quest’ultime che cercano di sostiursi in tutto ad uno Stato, spesso assente o che arranca a tener testa a sistemi criminali molto evoluti ed all’avanguardia, i quali beneficiano di professionalita’ specialistiche ad esempio per riciclare i denari proventi di attivita’ illecite o per gestire i propri beni in territorio italiano o estero.

Le Mafie si insidiano nel tessuto socio-economico e anche se un boss risulta latitante continua spesso ad avere le redini delle braccia del mandamento continuando a comunicare con il proprio personale.

In un’ordinanza di custodia cautelare emessa a Milano evince come addirittura proventi di Expo 2015, risultano ricollegabili al super boss trapanese.

(606)

happy wheels 2 demo

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.