3.8 C
Guidonia
martedì, Novembre 30, 2021
More

    Arno ’66: Firenze tra ricordo e prevenzione

    Il 4 novembre 1966, poco prima delle cinque del mattino, l’Arno ruppe gli argini e le sue acque inondarono Firenze, sommergendo il centro storico della città. Firenze si ritrovò tutto ad un tratto isolata (telefoni, luce, strade e ferrovie erano interrotte), con lo Stato e il Governo ancora ignare di tutto. A cinquant’anni dal disastro di acqua e fango sono stati organizzati numerosi eventi e cerimonie per ricordarne la devastazione

    Sembra ancora risuonare per le strade l’appello dell’allora “sindaco dell’alluvione” Pietro Bargellini, riuscito a trasmettere per radio nonostante le condizioni avverse: «Fiorentini! In questo momento mi giunge notizia che l’acqua dell’Arno è arrivata in piazza del Duomo. In alcuni quartieri è al primo piano. È lì che deve giungere l’aiuto più urgente. Invito tutti alla calma e a ridurre al minimo la circolazione».

    Era difficile, però, rimanere calmi mentre esondavano in città 70 milioni di metri cubi di acqua, producendo 17 morti a Firenze e 18 nella provincia, facendo perdere casa, bottega e negozio a milioni di persone, danneggiando centinaia di opere d’arte (tra cui il famoso Crocifisso di Cimabue, salvato per miracolo) e sommergendo migliaia di documenti conservati nella Biblioteca Nazionale. Alcuni degli abitanti riuscirono a rifugiarsi nei piani alti delle proprie abitazioni, altri a fuggire con la propria auto tra le strade diventate torrenti neri di nafta, e altri ancora salirono persino sui tetti, come i detenuti del carcere delle Murate (tra cui molti riuscirono ad evadere).

    Solo la sera stessa l’acqua cominciò a ritirarsi, e cominciò la ripresa della città. Antonia Bocci Bargellini, figlia dell’allora sindaco, ha dichiarato ai microfoni di SkyTg24: «Mio padre ha preso a modello la fierezza dei fiorentini per evitare che Firenze diventasse una città morta». Lo Stato, che aveva sottovalutato l’emergenza per la mancanza di comunicazione, arrivò a Firenze prima rappresentato dal ministro Giovanni Pieraccini, che, secondo le sue stesse parole, è stato “il primo nella storia a entrare in gommone a Palazzo Medici Riccardi”, poi da Saragat, la cui jeep si impantanò a S. Croce. Molti furono gli aiuti economici provenienti anche da stati esteri, come gli Stati Uniti, ma anche l’Etiopia, il Congo e l’Honduras.

    Oggi, esattamente a 50 anni di distanza, Firenze è di nuovo risorta dal fango con cui l’Arno l’aveva ricoperta, celebrando il ricordo di una giornata difficile. Nella mattinata di oggi, nel Salone dei Cinquecento, è stato ospitato il raduno degli Angeli del fango, i volontari che assicurarono alla città di poter ritornare più velocemente alla normalità in quel novembre del ’66, che hanno potuto assistere anche a un consiglio comunale straordinario convocato per le ore 9, subito dopo le celebrazioni, in Piazza Unità d’Italia, della Festa delle Forze Armate.

    Poco dopo mezzogiorno da Santa Croce, dove è stata celebrata messa da un altro Angelo del fango, il cardinale arcivescovo Giuseppe Betori, è partito un piccolo corteo diretto verso il Ponte delle Grazie per deporre in Arno una corona a ricordo delle vittime. Il clou degli eventi, però, si terrà dalle 15, quando si provvederà alla ricollocazione dell’Ultima Cena del Vasari a Santa Croce alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, quale, in seguito, visiterà il giornale “La Nazione” e parteciperà alla cerimonia ufficiale a Palazzo Vecchio.

    «Vogliamo fare di tutto un momento di grande ricordo – ha affermato il sindaco di Firenze Dario Nardella – nel quale si ricordano coloro che hanno vissuto quell’esperienza ma anche coloro che non vivendola ne hanno tratto ispirazione o lezione. E quindi non ci resta altro che aspettare queste giornate per ricordare, ma soprattutto per impegnarci a non commettere gli errori del passato».

    Tra gli eventi in programma, è sicuramente interessante, quello voluto e realizzato dal direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt: il racconto dell’alluvione in scatti d’epoca realizzati dai fotografi della Soprintendenza. Le immagini ritraggono i locali degli Uffizi invasi dalle acque, ma anche altri spazi esterni e sono state accolte nella sala 41, la stessa che ha ospitato i capolavori del Botticelli durante il restauro delle sale cui appartenevano.

    A parte il ricordo, molto si è speso per la prevenzione di una nuova esondazione di tale portata. Lo stesso ex sindaco e neopremier Matteo Renzi, presente oggi nel Salone dei Cinquecento per incontrare gli Angeli del fango, ha dichiarato: «L’alluvione ha segnato uno spartiacque negativo per Firenze. Noi oggi quindi sappiamo che dobbiamo investire tutto quello che serve per far diventare l’Arno una parte di Firenze e non il suo avversario. Per essere l’anima di Firenze. I denari ci sono bisogna spenderli e spenderli bene».

    Dal 1966 ad oggi è cambiata radicalmente la strumentazione utilizzata per verificare l’entità delle piogge, effettuata tramite radar, e l’altezza e la portata del fiume, tramite idrometri. Ma il rischio sembra ancora alto, e per questo un’altra opera di rinforzo dell’argine è stata conclusa da poco in Lungarno Torigiani, mentre il 5 novembre sarà presentato ufficialmente un Piano “Arno Sicuro”, organizzato da #Italiasicura Presidenza del Consiglio dei Ministri e Regione Toscana.

    Il ricordo ancora una volta ci deve spingere a fare qualcosa per il futuro del Paese e della sua gente, perché molte opere importanti dal punto di vista strutturale non sono ancora state completate o iniziate, ma se si ripresentasse oggi la stessa emergenza, i danni, fa sapere la Protezione Civile, sarebbero di circa 20 milioni di euro. Oltre a quelli a beni materiali, però, non mancheranno quelli inflitti ai “poveri Cristi” fiorentini, denominati così dallo stesso sindaco Bargellini.

    Articoli Correlati

    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Seguici su

    1,790FanMi piace
    877FollowerSegui
    117FollowerSegui
    - Advertisement -

    Ultimi Articoli

    METEO

    Guidonia
    nubi sparse
    3.8 ° C
    6.2 °
    1.9 °
    81 %
    0.5kmh
    32 %
    Mar
    9 °
    Mer
    10 °
    Gio
    12 °
    Ven
    11 °
    Sab
    5 °