Le prime parole di Giuseppe Proietti da sindaco di Tivoli

E’ Giuseppe Proietti il nuovo sindaco di Tivoli. Quello che sembrava un sogno alla fine è diventato realtà. La città tiburtina ha premiato l’unione delle liste civiche, un movimento nato dal basso, dalla volontà delle persone di fare qualcosa per la propria città. La favorita Manuela Chioccia, candidata del centrosinistra, corrente Partito Democratico, parte di Marco Vincenzi (importante specificare considerando la spaccatura interna, ndr), è tornata a casa nella notte tra domenica 8 e lunedì 9 con tanta delusione nel cuore per una vittoria che sembrava certa e alla fine è sfumata sul più bello, dopo la dolce illusione iniziale con i dati delle prime sezioni.

Ecco il risultato finale: Proietti 51,96% con 11638 voti contro il 48,04 della Chioccia con 10759 voti. Solo un migliaio di voti di distacco, quanto basta per prendersi palazzo San Bernardino. Poco sopra il 53 per cento l’affluenza in una giornata molto calda che ha portato al mare tanti cittadini. Per la truppa di Proietti una clamorosa rimonta rispetto al primo turno.

Queste le prime parole di Giuseppe Proietti da sindaco di Tivoli: “Siamo consapevoli di quel che abbiamo fatto ma siamo consapevoli soprattutto di quel che ci aspetta da fare e siamo anche convinti che servirà l’aiuto di tutti. Non esistono avversari ma concittadini con i quali lavorare insieme, altrimenti qualsiasi speranza noi abbiamo per costruire un futuro a questa città verrà minata alla base. Siamo consapevoli che l’esperienza compiuta da questa coalizione di movimenti civici può rappresentare un esempio importante anche per altri contesti. E’ questo che volevamo fare, volevamo dare corpo alle attese e alle esigenze e alla grande voglia di fare di chi opera all’interno delle associazioni di volontariato, dei comitati di quartiere, della parte viva della società civile ed è questo quello che dobbiamo continuare a fare. Quindi mi raccomando ancora (rivolto ai suoi sostenitori, ndr): misura e sobrietà”.

Toni distesi e sportivi. Giuseppe Proietti apre così la nuova era della Città dell’Arte.

(1234)

happy wheels 2 demo

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.